ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Scritte offensive sui muri della Rocca contro Toselli

CENTO. «Condanno senza appello un gesto offensivo per tutta Cento e per la sua importante storia». E’ il commento del sindaco Fabrizio Toselli, rammaricato dalla scritta comparsa sul lato della Rocca di Cento. Dopo lo striscione appeso nei mesi scorsi su via Ferrarese, questa volta è toccato al muro laterale della Rocca ad essere imbrattato con spray nero. Una scritta che paragona il sindaco a Vanna Marchi e lo invita ad andare a lavorare, Scritta fatta quasi certamente nel corso della notte scorsa e notata ieri con le prime luci dell’alba, è partita la segnalazione alla polizia municipale che ha trasmesso all’autorità giudiziaria un atto di denuncia per danneggiamento, poiché si ravvisa un’azione di deterioramento di un bene pubblico di interesse storico e artistico. Avviate le indagini per individuare i responsabili del gesto, anche con l’ausilio delle telecamere posizionate nell’area. Puntata proprio nella zona, si trova una delle telecamere del sistema di videosorveglianza, che tuttavia pare da diverso tempo non funzionante. «Sono molto amareggiato – rimarca Toselli – non per quanto scritto nei miei confronti, piuttosto perché è stato scritto su un monumento rappresentativo del nostro territorio e della nostra comunità. Quanto ai contenuti ritengo di dover esprimere la mia serenità e di dover continuare, con la stessa serenità, a lavorare intensamente e con il massimo impegno per il rilancio della città. Certo, dopo un decennio di stallo, mi rendo conto che le aspettative di tutti sono davvero molto alte, ma è necessario attendere che, al termine di una importante attività di pianificazione e programmazione, di progettazione ed attivazione dei percorsi burocratici del caso, questi sforzi prendano forma per poi poterne raccogliere i frutti”. Dalla Polizia Municipale poi, un appello a chi avesse elementi da fornire, di rivolgersi all’ufficio di via Farini. Nel frattempo, gli operatori comunali hanno effettuato una prima pulizia manuale sulla parte imbrattata, così da riportare il decoro. Oggi l’azienda Ahrcos eseguirà un nuovo intervento approfondito: la ditta ha offerto gratuitamente la propria opera, mettendo a disposizione mezzi specializzati e personale per restituire al monumento la dignità sottrattagli da un atto lesivo del patrimonio culturale centese.

La Nuova Ferrara
Link al sito con la notizia, clicca qui.