ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

A Cento una sala da tè solidale

Cento. L’opportunità del lavoro come strumento di promozione e di valorizzazione della persona: “Da Tè” verrà inaugurata sabato 24 marzo a partire dalle ore 15.45 (in corso Guercino 21, a Cento) e sarà una sala da tè solidale. Una vera e propria impresa sociale nella quale i protagonisti saranno sette ragazzi con disabilità (età comprese tra i 20 ed i 30 anni) coordinati da volontari e da una dipendente. L’esperienza, promossa dall’associazione di promozione sociale Oltre-Tutto, ha due obiettivi: da un lato la grande apertura alla relazione con la città e dall’altra la visione del lavoro come strumento di promozione di valorizzazione delle persone coinvolte. Sarà a tutti gli effetti una vera e propria Sala da Tè nella quale gli estimatori di questa nobile bevanda potranno trovare tutto quanto attiene al tè (da quello sfuso a quello confezionato) ma anche il classico caffè e ovviamente non mancherà una buona torta e la pasticceria dolce e salata per accompagnare pomeriggi all’insegna del dialogo, dell’incontro senza l’assillo dell’orologio. Un pubblico esercizio che potrà essere un punto di incontro anche per feste e che si apre già a future collaborazioni con l’adiacente cinema Don Zucchini. Gli orari di apertura della struttura saranno tutti i pomeriggi ad esclusione del mercoledì e giovedì dalle 16 alle 22 ma soprattutto sono già previste alcune aperture mattutine il giovedì (in occasione del mercato settimanale) e ovviamente il sabato e la domenica. Rossella Cristi che è la presidente dell’associazione Oltre-Tutto spiega il senso di questa iniziativa: “Abbiamo voluto puntare ad una struttura assolutamente aperta. Abbiamo incontrato una grande sensibilità dei tanti che ci hanno sostenuto e aiutato in tutti i modi. Dall’arcivescovo Zuppi a monsignor Guizzardi ai tanti professionisti che hanno messo a nostra disposizione la loro professionalità in modo assolutamente disinteressato e gratuito. Cento ha mostrato il suo cuore più vero”. Iscom Ferrara (ente formativo di Ascom, al quale la sala si è associata) ha curato la formazione del personale e, come conclude Marco Amelio, presidente Ascom Cento e presidente provinciale di Iscom: “Nell’ottica di un’ attenzione al lavoro come forma di promozione sociale e di integrazione che è uno dei motivi conduttori da sempre della nostra azione formativa attenta e sensibile alla persona oltre che alle esigenze del mercato”. All’inaugurazione interverranno monsignor Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna e tutte le autorità e istituzioni del Centese unite a sostenere questa impresa sociale che può essere di esempio chiaro che già potrà avere nel futuro un incremento nel numero delle persone con disabilità impiegate.

Estense.com
Link al sito con la notizia, clicca qui.