ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Pronta al decollo la Fiera delle Pere

Renazzo. Decollerà il 20 luglio, e rimarrà ad animare le vie di Renazzo fino a lunedì 23, la 42° edizione della Fiera delle pere, organizzata dalla Pro loco di Renazzo in collaborazione con il Comune di Cento: una 42° edizione che, secondo il presidente di Pro loco Andrea Silvestri, rappresenterà più che altro “l’anno zero” per le novità in campo, a pari passo con la tradizione.

Tra le idee innovative del 2018, l’estensione della fiera, che verrà concentrata in via Renazzo dal cimitero al semaforo; “Sapere e sapori”, l’area più “gustosa” che offrirà prelibatezze delle ristorazioni del territorio, nell’ottica di promozione locale e culturale; oltre 50 espositori, senza contare le animazioni per i più piccini, come la Pesca della fortuna a cura dell’asilo parrocchiale, il Luna park, presso il parcheggio del cimitero, e il truccabimbi.

Si partirà venerdì alle 19.30 con l’inaugurazione in piazza Lamborghini, con la partecipazione del Corpo bandistico renazzese e il saluto delle autorità, per poi scaldarsi con la tribute band di Vasco Rossi “Viadotto”, alle 21.30.

Programma ricco anche per sabato 21 luglio, che vedrà i bambini impegnati nel torneo di tennis a cura del Tennis club Renazzo già dalle 9 del mattino. Alle 20.30, in piazza, esibizione del Csr Renazzo Ju Jitsu Italia, alla quale seguirà l’evento “A spasso nel tempo con la moda”, una sfilata di costumi d’epoca di Roberto Graziani.  A seguire, dalle 22.30 in poi, dj Lopez direttamente da Radio Bruno.

Dalle 9 fino a sera, domenica 22 luglio, saranno esposti in via di Renazzo dall’incrocio fino a via Tassinari i banchi da Forte dei Marmi, con merci esclusivamente made in Italy, mentre in via Ferioli ci sarà la gara “Pierin pescatore”. Alle 19.30 un torneo di scacchi in sala Polivalente. Alle 21 la sfida del palo della cuccagna terrà col fiato sospeso e alle 21.30 seguirà un’esibizione da parte dell’Asd Serio boxing team. Si chiuderà infine lunedì 23 con lo spettacolo comico di Beppe Braida.

Un “anno zero” che, affermano presidente e vicepresidente della Pro loco, vuole “onorare” la memoria di don Ivo: “La Fiera delle Pere e la festa della Madonna del Carmine sono due facce della stessa medaglia: la tradizione popolare e la genuina religiosità della nostra terra”. Ed è con questo spirito che quest’anno si propone di “piantare i semi” per una pianificazione più ampia che coinvolga, nel prossimo biennio, anche i paesi limitrofi: nello specifico, la nostrana pera moscatella renazzese diventerà “il perno intorno al quale verrà organizzata la fiera nel 2019 e nel 2020” secondo il vicepresidente Gianluca Panzacchi, “dal punto di vista commerciale ma anche di rilancio turistico del territorio”.

Estense.com