• ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
  • Libreria

    Le ‘ombre’ della Grande Guerra

    L’occhio divino
    28 febbraio 1915. Primo conflitto mondiale. Quattro militari del Regio Esercito Italiano, quattro personalità diametralmente opposte, stanno per essere convocati per quella che si rivelerà essere ben più di una semplice missione operativa.

    Il fuoco del primo conflitto – TERRA

    Prima guerra mondiale, 1914 - 1918.
    Nell'edizione TERRA cataloghiamo le schede tecniche delle armi terrestri dei principali eserciti impiegati nella prima guerra mondiale, pistole, rivoltelle, fucili, artiglieria leggera, media e pesante, mezzi corazzati e treni blindati.

    GM1

    Ambientazione e manuale unico per Dungeons & Dragons da vivere nell’epoca della prima guerra mondiale. Il manuale ti indicherà come creare il personaggio scegliendo il ‘corpo’ e la ‘specializzazione’. I ‘mostri’ sono sostituiti dalle oltre 500 schede di artiglieria, velivoli, dirigibili, navi, sommergibili, mas, treni e mezzi blindati tutti reali del periodo dal ’15 al ’18.

    Il fuoco del primo conflitto – CIELO

    Prima guerra mondiale, 1914 - 1918
    Nell'edizione CIELO sono schedati i velivoli dei principali eserciti impegnati nel primo conflitto, aerei e idrovolanti, dirigibili e palloni di avvistamento.

    Perchè ti sei fatto crescere la barba?

    Ventiquattro anni di negozio sono una condanna che intaccherebbe qualsiasi persona. Ventiquattro anni di chiacchierate con qualsiasi persona entri dalla porta del tuo negozio… Comico e sarcastico, Adamo, un parrucchiere stressato, non ce la fa più e si sfoga… malamente… con tutti i suoi clienti.

    Il fuoco del primo conflitto – MARE

    Prima guerra mondiale, 1914 - 1918.
    Nell'edizione MARE tutte le principali imbarcazioni delle nazioni impegnate nel conflitto, dalle prime portaerei alle corazzate, dai sommergibili ai sottomarini passando per gli italici M.a.s.

    Libro “I Gallerani”

    Ricerca storica sulle origini del cognome ‘Gallerani’, i personaggi importanti, un conte, un beato, la famosa ‘dama con l’ermellino’, un viaggio da Siena a Carugate passando per la Partecipanza Agraria di Cento.

    Il fuoco del primo conflitto – ITALIA

    Prima guerra mondiale, 1914 - 1918.
    Nell'edizione ITALIA troverete tutte le armi, aerei e imbarcazioni del Regio Esercito Italiano.

    previous arrow
    next arrow
    previous arrownext arrow
    Shadow
    Slider

Museo Sandro Parmeggiani

Nel piano superiore del palazzo della Delegazione comunale sorge il museo di Renazzo, intitolato a Sandro Parmeggiani, che nel passato visse nel nostro paese per alcuni anni. Sandro Parmeggiani (1910-2003) è nato a Milano da una famiglia centese. A Cento sono legati i ricordi della sua fanciullezza e le estati trascorse nella casa Pannini presso gli zii materni, come anche il ritorno durante la guerra, quando trovò rifugio nella campagna renazzesi. La sua formazione artistica è avvenuta nello studio del milanese Domenico Baranelli, presso cui iniziò la ricerca espressiva e lo studio del colore che caratterizzarono la sua opera. Contrario all’adozione di una tecnica pittorica e a una tematica sempre uguali si è continuamente evoluto, in base alle esperienze europee filtrate attraverso il proprio rapporto con gli altri e i cambiamenti del suo animo. La guerra, con i suoi drammatici avvenimenti, produsse profondi cambiamenti si nella vita che nell’opera di Sandro Parmeggiani. Si trasferì con la famiglia a Renazzo, abbandonò i paesaggi lombardi e lagunari, compose nature morte e paesaggi agresti. Torre Spada (1942), Natura morta sul Reno (1943). Quando però divenne rischioso allontanarsi da casa il suo interesse si spostò sulle piccole cose, sulla quotidianità e quando l’occupazione tedesca rese difficile reperire i materiali, Sandro Parmeggiani dovette dedicarsi al disegno che rispecchiava gli stati d’animo del momento e non poteva che essere drammatico. Alcune sue opere le potete trovare esposte anche alla Galleria “A.Bonzagni” di Cento.

I commenti sono chiusi.